Se il medico di famiglia si “associa”

Dimezzato il ricorso al Pronto soccorso e alla Guardia medica. E le visite dal privato crollano del 75%.

I dati di un’indagine della Fondazione Istud che ha misurato l’impatto sui cittadini della riorganizzazione territoriale attraverso l’associazionismo dei medici di famiglia. Anche i medici coinvolti sono soddisfatti di lavorare in equipe: “Si risparmia, c’è più organizzazione e più supporto logistico”. Record di associazionismo in Emilia Romagna. In coda la Campania.  

Per leggere l’articolo di Quotidiano Sanità, clicca qui